fbpx

Smart working e conseguenze: come evitarle con l’osteopatia

Le conseguenze dello smart working sulla nostra salute coinvolgono sia la sfera fisica che mentale. Se i danni fisici a lungo termine del lavoro d’ufficio sono ben noti, le stesse problematiche sono quantomeno amplificate per chi lavora da casa.

Per chi lavora tutto il giorno davanti a una scrivania, viene infatti consigliato di sfruttare il tragitto casa-lavoro per svolgere quell’attività fisica quotidiana in grado di contrastare gli effetti negativi della sedentarietà. Allo stesso modo, la passeggiata/corsetta durante pausa pranzo è un utile momento per staccare la spina e far ossigenare mente e fisico in mezzo alla giornata lavorativa.

Queste ottime abitudini, se già normalmente possono essere ostacolate da mancanza di tempo o pigrizia, sono ancora più disincentivate nel caso dello smart working. Le conseguenze di quest’ultima frontiera della sedentarietà, come si può immaginare, possono essere ancora più deleterie rispetto al lavoro d’ufficio e, oltretutto, coinvolgere anche la sfera mentale.

Oltre alle ripercussioni fisiche dello stare seduti tante ore al giorno, con le conseguenti problematiche posturali e alla schiena, la mancanza di separazione tra ambiente lavorativo e ambiente casalingo, la permanenza prolungata all’interno della stessa stanza, può generare effetti psicologici negativi come ansia, depressione, insonnia e stress.

Vediamo allora insieme le conseguenze dello smart working e come affrontarle con l’osteopatia.

Hai già effettuato un controllo dall’osteopata?

Come evitare le conseguenze dello smart working: l’approccio dell’osteopatia

Come abbiamo visto, se la sedentarietà portata agli estremi dallo smart working comporta conseguenze negative sul corpo, è anche la mancanza di cambiamento da ambiente lavorativo a domestico ad avere ripercussioni sulla salute psicofisica.

Ma quali sono nello specifico le conseguenze dello smart working sulla colonna vertebrale, i problemi posturali e i disturbi che ne derivano? Vediamo insieme le principali ripercussioni sul fisico di uno stile di vita sedentario e le “aggravanti” legate al lavoro da casa.

Per quanto riguarda le dirette conseguenze sul sistema muscolo-scheletrico:

  • Tensioni a carico di spalle e collo, dovute alla prolungata postura scorretta davanti al PC;
  • Cefalea da stress, dovuta ai ritmi lavorativi serrati e all’utilizzo prolungato di apparecchi tecnologici;
  • Spasmi e dolori muscolari, legati a tensione e al sovraccarico di alcuni muscoli.

A queste problematiche si aggiungono quelle indirette che possono coinvolgere di riflesso il resto del corpo per via della mancanza di attività fisica, oltre alle conseguenze psicologiche legate alla permanenza prolungata nello stesso luogo chiuso.

Lo smart working, come già accennato, tende poi a disincentivare ulteriormente il poco movimento quotidiano del lavoratore, che tende a rimanere dentro casa anche al termine della giornata di lavoro. Come ben noto, il divano e la tv spesso risultano un’attrattiva forte, specialmente in questo periodo, e la mancanza di stimoli alternativi dentro casa incentiva ulteriormente la pigrizia.

Il primo passo è quindi quello di imporsi almeno una o due uscite quotidiane e dedicare le pause lavorative a piccole attività/esercizi da svolgere dentro casa, possibilmente in un ambiente diverso rispetto al tuo “ufficio smart”.

Per chi dovesse avvertire disturbi prolungati e acuti, il ricorso all’osteopatia può essere una valida soluzione per:

  • Correggere difetti posturali
  • Aumentare la mobilità articolare
  • Alleviare il dolore fisico.

L’osteopata può rivelarsi un ottimo supporto anche per svolgere attività fisica nel modo più corretto e aiutare il lavoratore a ritrovare il giusto equilibrio psicofisico.

Hai uno stile di vita sedentario e vuoi saperne di più sui trattamenti di osteopatia posturale? Non esitare a contattarmi!

Compila il form di contatto per richiedere informazioni o prenotare un appuntamento

Corso Vittorio Emanuele II, 97 – Torino | Via Vezzolano, 15 – Torino | Vicolo Milocco, 6 – Leinì

Tel. 348 149 05 60 | Email info@fasoliosteopata.it

* dati obbligatori

Caterina Fasoli - Osteopata a Torino