CATERINA FASOLI

Il tuo corpo ha una naturale capacità di recupero fisico. Scopri come riportarla alla luce grazie all’Osteopatia. E tornare a sentirti bene.

Caterina Fasoli - Prenota una vista dall'Osteopata a Torino

COSA CURA L’OSTEOPATA?

La medicina osteopatica è incentrata sulla salute del paziente piuttosto che sulla malattia, e utilizza un approccio causale e non sintomatico, ricercando le alterazioni funzionali del corpo che portano al manifestarsi di segni e sintomi, causa di dolori di vario genere.

Caterina Fasoli, Osteopata a Torino, tratta un paziente

OSTEOPATA TORINO

UN TRATTAMENTO MIRATO PER OGNI SITUAZIONE

Grazie ai principi su cui si basa e alla tecniche che utilizza, l’osteopatia risulta essere adatta a pazienti di qualsiasi età e per qualsiasi situazione da trattare.

Osteopata per Donne in Gravidanza - Torino

Osteopata a Torino per
Donne in Gravidanza

L’Osteopatia aiuta nell’affrontare il periodo di cambiamento del corpo e nel preparare la donna al travaglio ed al parto.

Osteopata per Sportivi a Torino

Osteopata a Torino per
Atleti e Sportivi

L’osteopatia ha un ruolo fondamentale come medicina preventiva per evitare l’insorgenza di dolori o infortuni legati all’attività fisica.

Osteopata per Neonati - Torino

Osteopata a Torino per
Neonati e Bambini

L’osteopatia può essere applicata fin dai primi mesi di vita del neonato, accompagnando il bambino nel suo percorso di crescita.

Soffri di dolori o disturbi funzionali?

PRENOTA UNA VISITA DA CATERINA FASOLI, OSTEOPATA A TORINO

Blog

Rimani informato sulle ultime novità e curiosità legate al mondo dell’Osteopatia. Leggi gli articoli del Blog, scopri gli approfondimenti e non esitare a contattarmi se hai qualche curiosità o richiesta!

PRINCIPI DELL’OSTEOPATIA

L’osteopatia poggia saldamente su cinque principi fondamentali al fine di impostare un trattamento personalizzato per ogni paziente.

  1. Unità del corpo: l’individuo viene considerato nella sua globalità, ogni parte dell’organismo è dipendente dalle altre e il corretto funzionamento di ognuna assicura il benessere dell’intera struttura.
  2. Relazione tra struttura e funzione: se l’equilibrio tra questi due elementi, strettamente interconnessi tra loro, viene alterato (es: trauma) si può parlare di disfunzione osteopatica, caratterizzata da una restrizione della corretta mobilità.
  3. Autoguarigione: l’osteopatia mira a ristabilire l’armonia della struttura per permettere all’organismo di esprimere la sua intrinseca capacità di auto guarirsi, caratteristica propria del corpo umano.
  4. Adattamento e compensazione: il corpo ha la capacità di adattarsi e creare dei compensi in seguito a eventi traumatici o specifiche condizioni dell’ambiente esterno. Nel momento in cui l’individuo non riesce più a compensare, la sua capacità di autoguarigione diminuisce e questo può causare l’insorgenza dei dolori.
  5. Circolazione dei fluidi: un funzionale circolo dei fluidi corporei è essenziale per nutrimento e l’ossigenazione di tutti i tessuti corporei (muscoli, ossa, visceri ecc). Se ciò dovesse venire a mancare, lo stato di salute generale dell’organismo ne risentirebbe.

Anche la mia attività come Osteopata a Torino si basa su queste caratteristiche e mi permette di comprendere il problema e trovare il rimedio più adatto per alleviarne i sintomi.

Generalità sul trattamento dell’Osteopata a Torino

Il trattamento osteopatico si avvale di tecniche e approcci diversi che possono essere suddivisi in quattro macro categorie:

  • Tecniche strutturali: attraverso la specificità e la rapidità della manipolazione ristabiliscono la mobilità articolare. Hanno una forte influenza neurologica, oltre che puramente meccanica.
  • Tecniche cranio-sacrali: agiscono sul movimento di congruenza fra le ossa del cranio e il sacro, ristabilendone il normale “meccanismo respiratorio primario”. Questo tipo di tecniche ha un impatto importante sulla vitalità dell’organismo.
  • Tecniche viscerali: esiste da un punto di vista anatomico e funzionale una relazione tra i visceri e la struttura muscolo-scheletrica, per cui una cattiva funzione della struttura può influenzare uno o più organi e viceversa. Il trattamento osteopatico mira quindi a ristabilirne una buona e corretta mobilità, attraverso tecniche specifiche sui visceri e sul diaframma.
  • Tecniche fasciali: consistono in tecniche dirette o indirette che agiscono sui tessuti connettivi del corpo (fasce, tendini, legamenti, membrane) i quali creano l’elemento principale di connessione tra le varie strutture del corpo

Se stai cercando un Osteopata a Torino, contattami per espormi la tua problematica e prenotare subito un trattamento. L’osteopatia porta numerosi benefici al corpo e se ben eseguita riesce ad eliminare dolori e fastidi per riportare il corpo al suo naturale benessere.

Di seguito puoi trovare alcuni video dell’Osteopata Caterina Fasoli in cui illustra:

  1. I principi dell’Osteopatia
  2. In cosa consistono la Prima Visita ed il primo trattamento
  3. Cosa prevede il Percorso Osteopatico

Cerchi un Osteopata a Torino?

PRENOTA UNA VISITA

Osteopata a Torino: CHE COSA FA E QUANTO È UTILE IL SUO LAVORO

I trattamenti utilizzati da un bravo osteopata, in particolare quelli adoperati per la cura delle patologie dolorose dell’apparato muscolo-scheletrico, come mal di schiena, lesioni da sforzo e problemi articolari, hanno diversi benefici e sono molto efficaci. Ci sono altri trattamenti con altrettanti benefici che si adoperano per altri disturbi, per esempio:

  • Problemi di carattere posturale
  • Problemi di carattere viscerale
  • Problemi di carattere psicosomatico
  • Emicranie
  • Cefalee
  • Problemi di disturbi digestivi
  • Problemi legati all’ansia
  • Disturbi del sonno

Bisogna precisare anche che ogni osteopata, nonostante la sua principale specializzazione, può essere in grado di risolvere più problematiche, anche diverse tra loro e bisogna ricordare anche che spesso, l’osteopata lavora in collaborazione con altre figure professionali.
Il campo d’azione dei trattamenti svolti dall’osteopata esclude, invece:

  • Le urgenze
  • Le malattie degenerative
  • Le malattie di origine genetica
  • Le malattie infettive
  • Le fratture

Purtroppo ancora oggi non ci sono conferme scientifiche definitive sul lavoro svolto dall’osteopata ma la ricerca è in continuo sviluppo e le tecniche osteopatiche, grazie ai numerosi risultati raggiunti, sono sempre più apprezzate e prese in considerazione. L’efficacia del lavoro dell’osteopata per trattare disturbi come il mal di schiena, l’emicrania e alcune patologie dolorose è sempre più in crescita e riconosciuto, anche perché esistono percorsi di studio per poter ottenere il titolo di Osteopata.

Il mestiere dell’osteopata nasce negli Stati Uniti d’America intorno al 1870 e consiste in una serie di tecniche di manipolazione da adoperare per ristabilire la funzionalità del organismo di ogni essere umano. Queste tecniche di manipolazione dell’osteopata sono molto precise. Con lo scopo di ristabilire l’equilibrio, quindi, l’osteopatia agisce al fine di garantire la perfetta funzionalità del nostro intero organismo, agendo su aree di debolezza, squilibri o eccessive tensioni.
Il primo osteopata al mondo è il medico americano Andrew T. Still (1828-1917) che, disilluso dalla scarsa efficacia della medicina dell’epoca, crea una nuova branca della medicina, l’osteopatia appunto.
L’osteopata si avvale di un sistema di tecniche esclusivamente manuali come:

  • Manipolazioni di articolazioni
  • Manipolazione di organi
  • Manipolazione di tessuti

Basato sulle conoscenze mediche tradizionali, come anatomia e fisiologia, l’osteopatia non prevede l’uso di farmaci, né il ricorso alla chirurgia, bensì vede il corpo umano e le sue funzioni come un insieme unitario le cui diverse parti, collegate tra loro da tessuto connettivo, lavorano in sinergia per dare beneficio a tutto l’organismo. Sono proprio le manipolazioni ideate da Still che, eseguite correttamente, mirano proprio a riattivarne le capacità di autoguarigione di ogni singola parte.

Con il passare degli anni, il mestiere dell’osteopata prende strade diverse e, sebbene oggi negli Stati Uniti i dottori in osteopatia sono figure mediche pienamente riconosciute che possono prescrivere farmaci ed eseguire interventi chirurgici, in Europa la figura dell’osteopata è rimasta più vicina alla tradizione, pur ottenendo riconoscimenti in diversi Paesi.
In Italia, l’osteopatia come atto medico è stata riconosciuta dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici e degli Odontoiatri solamente nel 2002, includendola tra le professioni sanitarie, anche se, ancora oggi, manca ancora un riconoscimento normativo, come del resto accade per la maggior parte delle medicine non convenzionali. Esistono diversi tipi di osteopata, ognuno con determinate caratteristiche e specialità. Una tra queste è la terapia cranio sacrale, che alcuni terapisti considerano una specialità a sé oppure l’osteopatia viscerale che agisce soprattutto sugli organi interni. È importante precisare anche che la figura professionale dell’osteopata non deve essere confusa con quella del chiropratico che, nonostante sia nata dalla stessa branca medica, si concentra sulla manipolazione vertebrale.

Negli ultimi anni, si è affermata sempre di più la figura dell’osteopata a Torino, grazie alla professionalità e alla bravura di molti di essi. Come abbiamo detto in precedenza, esistono diversi tipi di osteopata a Torino e nel mondo in generale e questo implica anche diversi tipi di approccio, sia dal punto di vista medico che dal punto di vista della fisionomia del paziente da curare.

Focalizzandoci soprattutto sul capoluogo piemontese, generalmente, al di là delle varie specializzazioni e dei cavalli di battaglia, ogni bravo osteopata a Torino è in grado di affrontare e curare diverse patologie, grazie alla ricerca e agli investimenti svolti nel campo dell’osteopatia. In maniera più dettagliata, l’osteopata a Torino, a seconda della propria esperienza e professionalità, è in grado di affrontare disparate problematiche adoperando in diversi settori come, per esempio:

  • Osteopata a Torino per lo sport
  • Osteopata a Torino per anziani
  • Osteopata a Torino per bambini e adolescenti
  • Osteopata a Torino per donne in gravidanza
  • Osteopata a Torino per adulti e lavoratori

Inoltre, esistono ben quattro tipologie di approccio differenti che possono essere attuati.
Gli approcci messi in atto da un osteopata a Torino sono:

  • Approccio strutturale
  • Approccio fasciale
  • Approccio viscerale
  • Approccio craniale

È lecito precisare anche che ogni osteopata a Torino può attuare più di un approccio e soprattutto può rappresentare un punto di riferimento per diverse tipologie di pazienti, anche di diverso campo d’azione (ad esempio un osteopata a Torino in grado sia di essere osteopata per bambini che osteopata per giovani sportivi ed essere altamente performante in entrambi i casi). Questa versatilità, per quanto innata per alcuni, è garantita dalla forte conoscenza e dall’attento percorso di studi svolto per diventare, con passione e professionalità, un affermato osteopata a Torino.

Osteopata a Torino: QUALI SONO LE DIVERSE TIPOLOGIE DI APPROCCIO?

Come precedentemente detto, la figura dell’osteopata a Torino si è affermata sempre di più negli ultimi anni, tra le specializzazioni maggiormente ricercate nel mondo del lavoro di domani. Perfettamente consapevole di questo trend del mercato, il capoluogo piemontese ha investito per garantire la formazione di giovani professionisti, mettendo a disposizione diversi corsi di formazione e specializzazione per osteopata a Torino. Come anticipato, al di là del percorso di studio, ogni osteopata a Torino adotta un proprio approccio o più di uno, a seconda del paziente e della situazione.

L’osteopata a Torino che utilizza un approccio strutturale, concentra il suo lavoro principalmente in applicazioni di particolari manovre di rilasciamento delle articolazioni e dei muscoli. L’approccio strutturale di un osteopata a Torino ha effetti non solo meccanici, bensì biochimici, poiché l’osteopata a Torino che adopera tale tecnica, stimola il corretto scambio di fluidi all’interno delle strutture trattate per risolvere i problemi di ogni singolo paziente.

L’osteopata a Torino che utilizza un approccio fasciale, attua tecniche indirizzate al muscolo o alla fascia, che impiegano un continuo feedback palpatorio per ottenere un rilasciamento dei tessuti miofasciali. Queste tecniche agiscono sulla fascia e la sua relazione fra disturbi muscolo-scheletrici, dolori e tensioni e stato globale della fascia.

L’osteopata a Torino che utilizza un approccio viscerale, adotta tecniche che ristabiliscono la mobilità e la motilità (espressione della vitalità cellulare) di un organo. Queste tecniche consentono di stimolare l’organo verso una corretta funzione digestiva, di assorbimento o di espulsione, sia in un ambito più meccanico sia in ambito biochimico.

L’osteopata a Torino che utilizza un approccio craniale, effettua tecniche che agiscono sul movimento di congruenza fra le ossa del cranio, andando ad agire a livello osseo, nervoso, meningeo e del liquor cefalorachidiano. Con queste tecniche si agisce in particolare sulla vitalità dell’organismo, qualità fondamentale che permette agli esseri viventi di reagire con efficacia agli eventi di disturbo provenienti dall’ambiente esterno e da quello interno

Bisogna precisare che questa è una mera generalizzazione degli approcci che si possono attuare, fatta per mettere in risalto, punto per punto, approccio dopo approccio, l’avanguardia e la versatilità che risiede in ogni singolo osteopata a Torino. Un osteopata a Torino, completo ed affermato, sa e riesce in tranquillità ad attuare tutti questi approcci e cerca di migliorarsi, ogni giorno, studiando e ricercando nuovi metodi e tecniche da sperimentare, al fine di progredire e perfezionare la propria figura professionale. Risolvere diversi problemi, dal più insignificante al più impegnativo, è possibile: basta rivolgersi ed affidarsi alle mani esperte di una osteopata a Torino.