fbpx

Osteopatia e gravidanza

Osteopatia e neomamme: come affrontare la nausea e tutte le problematiche più comuni in gravidanza

Sarete neomamme? Congratulazioni! Come tutte sapranno, però, durante la gravidanza il corpo della futura mamma viene sottoposto a numerosi e significativi cambiamenti e in questa particolare condizione fisica e psicologica, come abbiamo già visto in un altro articolo del mio blog, possono rivelarsi alcune problematiche comuni. Qual è la soluzione? Sicuramente, l’osteopatia è un valido aiuto in gravidanza senza alcun tipo di controindicazioni.

Addentrandoci nel vivo del discorso, però, ci sono varie scuole di pensiero, per molti il massaggio osteopatico non è consigliabile nei primi tre mesi, se non in situazione particolare. Ma per molti non è così. Poiché il trattamento osteopatico, non deve essere visto come una procedura che elimini i sintomi, ma come un trattamento di prevenzione per a migliorare lo status della persona durante la gravidanza, durante il parto e nel postpartum.

L’osteopata, attraverso il trattamento manuale tramite tecniche miotensive, può intervenire per alleviare sintomi dolorosi e per preparare la donna alle modifiche alle quali il suo corpo andrà incontro nel momento del parto. Con la manipolazione si possono eliminare i blocchi vertebrali e le restrizioni alla mobilità, riportando il corpo nel suo equilibrio naturale.

Nella fase di gravidanza tutte le tecniche miotensive e cranio sacrali hanno lo scopo di migliorare le influenze che le strutture del bacino possono avere sull’utero per permettergli di essere libero di accettare i cambiamenti durante la gravidanza. In questo modo si ottiene un buon equilibrio del corpo, dove l’interconnessione tra i vari tessuti favorisce il perfetto svolgimento di tutte le funzioni corporee necessarie alla madre del bambino.

Quindi, se queste prime in formazioni vi hanno incuriosite e nella vostra condizione di future mamme state pensando di intraprendere un percorso che abbini osteopatia e gravidanza a Torino, potete continuare a leggere il paragrafo seguente, dove andrò a vedere quali sono i fastidi più comuni in dovuti alla gravidanza e come l’osteopatia può venire in vostro soccorso.

Hai già effettuato un controllo dall’osteopata?

Osteopatia e gravidanza: Quali sono i sintomi più comuni e dove l’osteopata può intervenire

Come visto, l’osteopatia è un valido aiuto per le donne in gravidanza che vogliono prepararsi nel migliore dei modi a questo evento. Dal momento che il corpo della donna va incontro a importanti modifiche è necessario essere preparate ad affrontarle nel migliore dei modi e recuperare in modo adatto una volta che il bambino sarà nato. Ma vediamo meglio quando può essere utile rivolgersi al proprio osteopata e quali risposte potrà fornire.

Durante la gravidanza è frequente l’insorgere di problemi di nausea e vomito. Questa sensazione è diffusa soprattutto nel primo trimestre, nel corso del quale ha una risoluzione spontanea. Ovviamente ci sono sempre delle eccezioni, alcune donne protraggono questa condizione e il compito dell’osteopata è di valutare la persona e i suoi organi, caso per caso, dal nervo vago, all’esofago, al diaframma, senza escludere colonna e stomaco.

Altro fastidio molto comune è il reflusso gastroesofageo, esso si presenta con i sintomi tipici: bruciore retrosternale e rigurgito acido in bocca. In questo caso l’osteopata deve valutare le vertebre D5 -D9, che servono al nervo grande splancnico. Queste vertebre compongono i gangli celiaci, attraverso il loro trattamento con la manipolazione si prepara la crescita dell’utero della madre, così che possa trovare minor resistenza da parte degli organi circostanti nel suo processo di espansione.

Insonnia e stanchezza sono un altro aspetto molto fastidioso per le donne che aspettano un bambino nei primi mesi. Il corpo richiede una mole enorme di energia causando uno squilibrio da sistema autonomo ortosimpatico e parasimpatico che può portare a squilibrio dell’asse cranio sacrale, qui l’osteopata dovrà andare a controllare l’asincronia craniosacrale, che crea distonia neurodegenerativa e quindi difficoltà nel dormire. Risolvibili con alcune manipolazioni che legano osteopatia e gravidanza a Torino.

Nel secondo trimestre di gravidanza i sintomi si modificano, il corpo della donna compie mutamenti importanti che l’apparato muscolo scheletrico fatica a supportare al meglio se non viene preparato in modo adeguato. Capita così che ai sintomi elencati in precedenza si uniscono anche:

  • Lombalgia: il mal di schiena è dovuto alla crescita dell’utero che mette in tensione i legamenti che a loro volta influiscono sulla corretta mobilità del sacro, questo ha effetto negativo sulla colonna lombare.
  • Sciatalgie: più che di sciatica si parla di sindrome del piriforme. Questo è dovuto sia alla non corretta mobilità sacrale, sia all’aumento delle tensioni del pavimento pelvico.
  • Pubalgie: cosa molto importante in questo periodo è controllare il bacino.Ricordo che il bacino presenta uno stretto superiore, medio e inferiore. Un pube disallineato andrà ad alterare i corretti diametri pelvici, fondamentale per una corretta discesa del feto è massaggiare i legamenti e mobilitare l’utero In un secondo momento possiamo andare a lavorare gli altri legamenti uterini spostando l’utero.
  • Sacralgie: le tensioni legamentose alterano la corretta meccanica sacrale. Ristabilire una corretta nutazione e contronutazione sacrale gioverà alla meccanica del parto. Oltre al sacro bisogna trattare anche i legamenti sacro coccigei, è necessario preparare il coccige a non avere limitazioni nella sua mobilità, fondamentale per far spazio al passaggio del feto durante il parto.

Il trattamento osteopatico diventa così di cruciale importanza per trattare e limitare l’insorgere di questi fastidiosi sintomi dolorosi, ma anche per agire su problematiche dovute al parto e alla movimentazione del bacino. Si, perché in questa fase le spinte, le lacerazioni, l’episiotomia, il coccige bloccato e le sciatalgie hanno ricadute negative sull’equilibrio posturale della donna. Anche in questo caso, il trattamento apposito per osteopatia e gravidanza a Torino è un prezioso aiuto per le future mamme.

Quindi, se leggendo questo articolo avete trovato il tema di particolare interesse e utilità per voi, non vi resta che prendere appuntamento dell’osteopata e valutare la vostra condizione, in modo da prendersi cura al meglio del corpo e del vostro bambino.

Compila il form di contatto per richiedere informazioni o prenotare un appuntamento

Corso Vittorio Emanuele II, 97 – Torino | Via Vezzolano, 15 – Torino | Vicolo Milocco, 6 – Leinì

Tel. 348 149 05 60 | Email info@fasoliosteopata.it

* dati obbligatori

Caterina Fasoli - Osteopata a Torino